Fin dal 1996 lo Studio ha perseguito una specializzazione di nicchia nel diritto amministrativo, nel diritto societario e nel diritto del lavoro. La ricerca dell’eccellenza multidisciplinare e l’obiettivo di fornire un legal service di qualità per Clienti italiani ed internazionali hanno spinto Liparota a creare un team formato da professionisti con competenze diversificate nei vari settori di interesse e di operatività.

Si riportano di seguito contributi di aggiornamento professionale elaborati dallo studio legale Liparota.

I giudici della Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la recentissima sentenza n. 23397 depositata in data 17.11.2016, hanno definitivamente stabilito che le pretese della Pubblica Amministrazione (Agenzia delle Entrate, Inps, Inail, Comuni, Regioni etc.) si prescrivono nel termine “breve” di cinque anni, eccetto nei casi in cui la sussistenza del credito non sia […]

La diffusione di informazioni che arrecano discredito e pregiudizio all’azienda dell’impresa concorrente rientra nel legittimo esercizio del diritto di critica e non costituisce atto di concorrenza sleale per denigrazione allorquando tali informazioni siano veritiere e non costituiscano l’occasione per formulare vere e proprie offese ed invettive nei confronti del concorrente.

Il vincolo di inalienabilità degli alloggi di edilizia agevolata previsto dal r.d. n. 1165 del 1938 ha natura temporanea e relativa, condizionata all’esistenza di autorizzazione, sicché non si traduce in un’incommerciabilità dell’immobile, né impedisce che il terzo possa divenire possessore del bene e, quindi, di usucapirlo, non trovando applicazione l’art. 1145 c.c. che si riferisce […]

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 28 giugno 2016 n. 149, il Dlgs 20 giugno 2016 n. 116 con le modifiche in materia di licenziamento disciplinare. Il provvedimento punisce con una procedura speciale le assenze infedeli dei dipendenti pubblici. In particolare il testo legislativo prevede: Sospensione istantanea e tutela del dipendente. Chi viene colto a […]

La responsabilità precontrattuale (nella specie, della P.A.) non ha natura extracontrattuale, ma deve correttamente inquadrarsi nella responsabilità di tipo contrattuale da “contatto sociale qualificato”, inteso come fatto idoneo a produrre obbligazioni ai sensi dell’art. 1173 c.c., con conseguente applicazione del termine di prescrizione decennale di cui all’art. 2946 c.c.